Libro degli ospiti

Lascia qui un tuo commento, un emozione, un pensiero dopo aver visitato il Campo di Auschwitz.

Scrivi un nuovo messaggio sul guestbook

 
 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Per ragioni di sicurezza salveremo il tuo indirizzo IP 54.198.126.110.
Il tuo messaggio potrebbe essere visibile nel guestbook solo dopo che l'avremo controllato.
Ci riserviamo il diritto di modificare, eliminare o non pubblicare messaggi.
29 messaggi.
Fabio Frigerio Fabio Frigerio da Cabiate pubblicato il 31 maggio 2018 alle 22:36:
Con mia moglie e mia cognata abbiamo avuto l’onore di essere stati accompagnati dal prof. Andreola il 7 agosto 2016. È stato un pomeriggio ricco di emozioni in un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. La competenza, i dettagli e la passione profusi dal prof. Andreola permettono di far rivivere le storie e i racconti di quegli incresciosi crimini contro l’uomo. Grazie Michele
Gemma e Luca Gemma e Luca da Pescara pubblicato il 27 maggio 2018 alle 16:11:
Silenzioso e forte questo percorso. Con le giuste pause e parole hai accompagnato il cammino all'interno di questa triste storia Michele. Ciò che portiamo ora con noi è l utilizzo del nostro più potente mezzo, una sana coscienza. Grazie da gemma e Luca. Saluti da Alba adriatica
Paola Paola da CastelfrancoVeneto Tv pubblicato il 8 aprile 2018 alle 13:49:
Sono stata guidata da te,Michele nel campo di concentramento ad Auschwitz venerdì santo e ho ammirato con molto piacere la tua professionalità nel raccontare quel brutto periodo dell’umanità. All’uscita dal campo di Birkenau la nostra guida Cinzia presa dallo sgomento si è liberata con un interrotto pianto tu prontamente le sei stato vicino con una sensibilità ammirevole complimenti !!!non è da tutti comportarsi così come hai fatto tu!!!un saluto e un bacio Paola.
Lorella Chiesi Lorella Chiesi da Reggio Emilia pubblicato il 14 marzo 2018 alle 20:21:
Caro Michele, ho avuto il piacere di conoscerti durante la visita al campo di concentramento e al centro di sterminio giovedì 8 marzo. Eravamo a Cracovia con un Viaggio della memoria organizzato da Istoreco di Reggio Emilia. Hai accompagnato me e i miei studenti di quarta liceo in un percorso della memoria che ci ha profondamente colpito non solo a livello emotivo, stimolando riflessioni la sera stessa e il giorno successivo quando siamo tornati al Campo per la commemorazione collettiva. La tua profonda conoscenza e la grande umanità con cui ci hai guidato hanno arricchito questa esperienza, imprimendola nelle nostre menti. Ti ringrazio e ti esprimo la mia stima.
Gioia Gioia da Sardegna pubblicato il 21 febbraio 2018 alle 19:26:
Ciao Michele, ho visitato il campo di Auschwitz-Birkenau nel Novembre scorso. Ricorderò per sempre il pomeriggio passato con i miei amici guidata da te, hai reso un'esperienza così toccante indimenticabile, hai coinvolto tutti noi e ci hai dato spunto per ragionare su tematiche come questa che purtroppo si stanno verificando anche ai giorni nostri. Sono parecchio felice di averti potuto conoscere. Spero un giorno di tornare in Polonia e fare nuovamente un salto ad Auschwitz. Sei una guida eccezionale, ammiro tanto il tuo lavoro e come lo svolgi.
Karin Karin da Savona pubblicato il 30 gennaio 2018 alle 9:00:
Ciao Michele , sono stata lo scorso luglio in visita ai campi con una mia amica , sei stato una guida fantastica , ci hai fatto immergere a pieno su tutto quello che è successo in quell’inferno. Scusa il ritardo volevo già scriverti prima . Penso di ritornare presto . Un grosso abbraccio , Karin
Dario Dario da Milano pubblicato il 7 gennaio 2018 alle 14:53:
Ciao Michele ho fatto parte del gruppo che hai guidato alla visita il giorno 3 gennaio 2018. L'efficacia della tua comunicativa mi ha colpito come mai mi era capitato prima .... dal mio ritorno a casa non faccio altro che approfondire le mie conoscenze sul campo di concentramento. Sei riuscito a non solo a dare una completa ed esaustiva informazione ma anche a stimolare l'approfondimento. Un'esperienza toccante, già per sua stessa natura, è stata resa indimenticabile anche dalla tua professionalità,
Carlo Murru Carlo Murru da SANLURI pubblicato il 20 novembre 2017 alle 20:52:
Caro Michele come dimenticare l'esperienza vissuta insieme ai miei alunni? Le tue parole e l'incontro con Sami Modiano sono ancora vivi dentro ognuno di noi. Spero un giorno di avere la forza di riandare a trovarti con la mia famiglia. Intanto l'anno prossimo ti manderò un nuovo gruppo di studenti. Un abbraccio.
fabrizio pavoncello fabrizio pavoncello da Roma pubblicato il 10 novembre 2017 alle 17:13:
conosco miche da qualche anno. piu di una volta mi è capitato come guida secondo me è la migliore in assoluto. io e anche i miei amici a distanza di anni sentiamo ancora la sua voce nella nostra testa. è una persona molto molto molto preparata,umana,sensibile. grazie per tutto sei un grande
David Lani David Lani da Milano pubblicato il 12 ottobre 2017 alle 8:04:
Ho visitato i campi di Auschwitz -Birkenau nel giugno 2010 e ottobre 2011, oltre ad essere stata una esperienza indimenticabile, ho avuto la fortuna di essere guidato da Michele Andreola, una persona molto seria e preparata, pronto ad ascoltarti e spiegarti al meglio tutto quello che fu l'orrore dei campi nazisti. In futuro ho intenzione di tornare ed ovviamente sempre con lui, consiglio a tutti di averlo come guida!
Claudio e Paola Claudio e Paola da Reggio Emilia pubblicato il 27 agosto 2017 alle 20:41:
Ciao Michele, siamo la famiglia di Reggio che hai guidato il 23 agosto ad Auschwitz. Ti vogliamo ringraziare per averci aiutato a fare silenzio dentro di noi e a fare spazio a tutte le immagini e parole di questo intenso e doloroso percorso di vite umane. Grazie per le risposte, ma soprattutto per le domande che hai aperto e lasciato dentro di noi. Un saluto da Claudio, Paola, Daniela, Daniele, Gabriele, Maddalena e Veronica
Riccardo Riccardo da Serramanna pubblicato il 17 agosto 2017 alle 19:01:
Grazie per la bellissima e toccante esperienza. Le tue parole ci hanno fatto rivivere le storie di tutte le vittime senza nome. Un saluto speciale da Riccardo e Alessio
Paolo Paolo da Reggio Emilia pubblicato il 8 agosto 2017 alle 19:25:
Buongiorno Michele, sono uno dei visitatori che hai accompagnato a metà luglio. Vorrei ringraziarti non solo per la grande competenza e professionalità nell’averci trasmesso con passione informazioni approfondite e accurate, ma anche per aver fornito spunti per la riflessione sulla contemporaneità, su ciò che ancora oggi sta accadendo di fronte ai nostri occhi, dopo 73 anni, al di fuori dei reticolati di Auschwitz. A questo proposito ti propongo la lettura di un articolo apparso sull’edizione reggiana de “Il Resto del Carlino” del 5 agosto, di cui ti fornisco il link http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/razzismo-cameriere-nero-bar-1.3315484 Questo accade nella mia città, la civilissima Reggio Emilia. Complimenti per il tuo blog, aggiornato, curatissimo e privo di retorica. Buon lavoro. Paolo.
Luca Luca da Merate pubblicato il 6 agosto 2017 alle 22:00:
Ciao Michele, ieri mi hai detto che non avevo letto il tuo blog. Oggi l'ho letto (quasi) tutto. GRAZIE per la tua umanità nel farci conosere un momento di disumanità della storia umana.
Giulia Giulia da Pescara pubblicato il 26 luglio 2017 alle 8:20:
Ciao Michele, sono stata in visita ad Auschwitz nel mese di giugno, con mio zio. Mi ha colpito molto il silenzio di quei posti, così come il rispetto con cui ci si muoveva tra quelle stradine. Non è mai troppo tardi per capire. Tu hai un compito importante, portalo avanti con sempre maggiore attenzione e perizia. Un caro saluto!
Marco Marco da Pistoia pubblicato il 21 luglio 2017 alle 19:07:
Il 19 ho visitato il campo con il gruppo guidato da te. Era una ricorrenza particolare, il giorno in cui 73 anni fa, dei ragazzi polacchi hanno dimostrato che si può fare la resistenza anche senza le armi. Grazie per il tuo impegno a tener viva la memoria di ciò che accadde ad Auschwitz affinché non succeda di nuovo.
Nicoletta Nicoletta da Varese pubblicato il 21 luglio 2017 alle 18:25:
Buonasera Michele siamo il gruppo di 7 persone che arrivava da Varese al 2 di luglio con la nostra piccola mascotte. Solo una guida come te poteva far suscitare emozioni, angosce, dubbi, perplessità. Mio figlio di 16 anni (quello che ti stava davanti) è dalle medie che studia la schoà. Ed è per questo che lo portato con me in questo viaggio. Volevo suscitare in lui una sensibilità particolare. La tua storia gli ha fatto capire, toccando con mano, quanto crudeli possano essere gli uomini. Pomeriggio indimenticabile in tutti i sensi. Grazie per essere quello che sei!!
Luciano Luciano da Rimini pubblicato il 20 luglio 2017 alle 10:27:
Ciao Michele, ho visitato Auschwitz nei giorni scorsi e sono rimasti molto colpito, senza parole. Davvero come ha detto, mi pare, Primo Levi ci vorrebbero parole nuove, diverse da quelle conosciute per descrivere cosa è stato Auschwitz, ma tra quella esistenti tu hai saputo certo usare le migliori e più adatte per "raccontare" quella vicenda e per aiutarci a comprendere fino in fondo il senso di una visita a quel luogo. Semplicemente grazie
Gaetano Gaetano da Castelaimondo pubblicato il 10 luglio 2017 alle 5:03:
Grazie per la passione che ci metti nel lavoro, si trasmettere il senso profondo di cio che si sta visitando. consiglierò a tutti di venire almeno una volta, secondo me bisognerebbe rendere obbligatorio nelle scuole un percorso di istruione che porti i ragazzi delle superiori a fare una visita a questo tremendo pezzo di storia e di umanità. Complimenti per la professionalità stai creando un opera fatta di persone, anche se solo l'uno per mille porterà a casa un insegnamento da questa visità avrai fatto un opera preziosa e impareggiabile come pochi hannp l'occasione di fare. Un caro saluto.
Simone Falco Aned Savona Simone Falco Aned Savona da Savona pubblicato il 8 luglio 2017 alle 7:07:
Caro Michele , volevo a nome della nostra delegazione Aned di Savona Imperia, la quale ha avuto il piacere di essere accompagnati da te durante la visita al Campo di Auschwitz Birkenau domenica scorsa 2 luglio , per alcuni che non avevano mai messo il piede nell'"inferno" , con la tua esperienza è stata una una giornata molto importante e di riflessione dove abbiano ricordato i nostri deportati savonesi , sopratutto li ha "colpiti" quello che hanno sentito da te ma sopratutto quello che hanno visto con i loro occhi. Ti ringrazio nuovamente per la tua disponibilità e professionalità dimostrata , per quanto riguarda il sottoscritto che ha visitato Auschwitz tante volte , grazie alle tue informazioni ho aggiunto ulteriori nozioni storiche al mio personale "bagaglio" , storico che ho appreso in questi anni grazie all'aiuto degli ex deportati